The Wave: l’onda rossa in Arizona riservata a pochi

The Wave: l’onda rossa in Arizona riservata a pochi

C’è un luogo, nell’Ovest degli Stati Uniti, che tutti vorrebbero inserire nel proprio tour dei parchi, ma che pochi possono raggiungere: THE WAVE.

Un’onda rossa scavata nella roccia, raggiungibile con un trail di un’ora, che però è riservata a pochi fortunati: l’accesso è riservato a sole 64 persone al giorno, estratte con una lotteria (il numero è stato aumentato nel 2021, prima era di sole 20 persone al giorno).

The Wave si trova tra Utah e Arizona, nel Coyote Buttes North, zona ricchissima di slot canyon e formazioni rocciose uniche. Per preservarla dal turismo di massa, 48 accessi vengono estratti 3 mesi prima della data scelta, con una lottery sul sito del parco, gli altri 16 il giorno prima nel Visitor Center a Kanab.

Solo 64 posti al giorno, senza eccezioni. In agosto ci sono oltre 1000 richieste al giorno, quindi venire estratti è difficilissimo… nel 2017, con solo 20 posti disponibili al giorno, io, non so come, ci sono riuscita!

The Wave, Coyote Buttes North, Arizona

Raggiungere The Wave non è uno scherzo. Bisogna partire presto e portare molta acqua. Il trail si svolge interamente sotto il sole, su roccia e sabbia, e il sentiero non sempre è ben segnato (spesso bisogna seguire le orme di chi è passato il giorno prima). Da Page ci vogliono 40 minuti di statale, mezz’ora di strada sterrata (che attraversa alcuni wash, quindi è necessaria un’auto adatta) fino al parcheggio (dove si firma il registro), e un’oretta di sentiero per arrivare all’onda, l’ultima parte del quale in salita nella sabbia.

L’inizio del sentiero per The Wave
Tratto sabbioso all’inizio del sentiero per The Wave
La maggior parte del sentiero è su roccia e può essere difficile seguire la traccia
Sul sentiero bisogna orientarsi con la mappa fornita dai rangers
Il panorama lungo il sentiero è spettacolare: ogni tratto della zona dei Coyote Buttes è imperdibile
Lungo il sentiero per The Wave
L’ultimo tratto del sentiero prima di arrivare a The Wave è di nuovo sabbioso, ed in salita
Ci siamo quasi, The Wave è dietro l’angolo!
Ci siamo!
Eccola finalmente, The Wave!

Una volta estratti, i rangers forniscono a chi è stato estratto il permesso da attaccare allo zaino e una mappa per orientarsi sul sentiero: meglio scaricare anche il percorso in GPS, soprattutto per orientarsi al ritorno. Perdersi purtroppo è molto facile, così come disidratarsi, e negli anni The Wave ha mietuto molte vittime per superficialità e carenza nelle attrezzature e nella preparazione.

Consiglio a chi è “in zona” di tentare la fortuna: raggiungere The Wave potrebbe diventare realtà!

Ale a The Wave

Surfando a The Wave

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top