USA on the road 2017: The Wave

USA on the road 2017: The Wave

Oggi è un giorno speciale: si va a THE WAVE! Ancora non mi capacito di come abbiamo vinto la Lottery (in questo articolo vi spiego come funziona e come visitare The Wave), sono eccitatissima e anche molto preoccupata, al punto che dormo pochissimo: ho paura di perdermi, morire di caldo etc. Invece tutto va per il meglio e The Wave è pazzesca!

Come arrivare a The Wave

Per arrivare all’onda bisogna percorrere mezz’ora di sterrato con la macchina (e se piove o ha piovuto nei giorni precedenti sono guai), poi dal parcheggio affrontare un trail di un’oretta in salita su sabbia e rocce, spesso senza punti di riferimento se non le orme di chi è passato di là il giorno prima, sotto il sole cocente… ma una volta arrivati… The Wave ripaga di tutti gli sforzi!

Il trailhead del sentiero
Tratti sabbiosi lungo il sentiero
Altri 3 fortunati che oggi hanno vinto la Lottery come noi 🙂
Siamo più o meno a metà del sentiero
Tutta l’area è uno spettacolo
Ultima salita (sabbiosa) prima di arrivare
Ci siamo… là dietro ci aspetta The Wave!

L’altra mia preoccupazione è che il tempo sia schifoso… e invece non possiamo avere un tempo migliore, un sole pazzesco e un cielo azzurrissimo senza neanche una nuvola. Rimaniamo sull’onda un’oretta, a contemplarla e a fare foto, per poi tornare indietro prima che faccia veramente troppo caldo. Il ritorno è più difficile perché mancano punti di riferimento, in un punto siamo indecisi sulla strada da prendere ma va tutto per il meglio, torniamo al parcheggio sani e salvi (anche se ho perso i miei Rayban da qualche parte lungo il sentiero).

Arrivati!

Dopo The Wave, da non perdere a Page: Lake Powell e Horseshoe Bend

Dopo aver affrontato The Wave, stanchi morti ma felici, ci fermiamo al viewpoint del LAKE POWELL per qualche foto e all’HORSESHOE BEND, che troviamo preso d’assalto da pullman di giapponesi. Belli i tempi in cui nessuno lo conosceva, nel 2010 non c’era neanche il parcheggio nè alcun cartello. Oggi anche fare una foto senza nessuno nell’inquadratura è un problema. Riusciamo comunque a fare qualche foto e qualche video, attacchiamo il nostro adesivo sul cartello nel parcheggio e via di nuovo verso la prossima tappa on the road, l’ultimo parco nazionale che visiteremo, sua maestà il Grand Canyon!

Lake Powell
Horseshoe Bend

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top